Zanzare

di zanzara? Come possiamo proteggere gli spazi verdi intorno la nostra abitazione e riuscire a cenare in giardino senza finire in pasto a questi fastidiosi insetti?

Per combattere le zanzare è necessario attuare delle vere e proprie strategie di lotta mirata, ma prima di intervenire con una disinfestazione sarà necessario effettuare un accurato sopralluogo che possa identificare tutti quei fattori che favoriscono la riproduzione della zanzara. Questa serie di attività può essere chiamata "prevenzione".

Purtroppo la prevenzione lascia spesso il posto alla disinfestazione fatta in maniera sconsiderata e senza tener conto né dell'impatto ambientale dei prodotti utilizzati, né dei possibili danni diretti a cose e persone, non solo, una disinfestazione contro le zanzare, attuata senza alcun criterio di prevenzione potrebbe non portare alcun beneficio.

Habitat della zanzara

Disinfestazione Zanzare RomaLe zanzare preferiscono l'acqua bassa e stagnante all'interno della quale depongono le loro uova. Più comunemente infestano stagni, paludi e piccoli canali di acqua, tuttavia, le zanzare sono in grado di riprodursi in differenti habitat e di riuscire a prolificare anche quando non si trovano nel loro habitat naturale. Molte specie di zanzare sono in grado di utilizzare contenitori d'acqua abbandonati dall'uomo come sito per il deposito delle uova.

Ambienti caldi e umidi sono più idonei allo sviluppo di focolai d'infestazione della zanzara. Le infestazioni si possono verificare facilmente nelle zone tropicali ma grazie al forte adattamento ai nostri climi, oggi le zanzare vivono in simbiosi con l'uomo nell'ambiente domestico.

Le larve di zanzara possono essere trovato in diversi habitat, tra cui corsi d'acqua, dove le larve si attaccano alla vegetazione, al fine di evitare di essere spazzati via dalle correnti d'acqua. In alcuni casi le larve vengono depositate in corsi d'acqua transitori a seguito di alluvioni o forti piogge, fossi con acque stagnanti, zone umide del sottobosco e piscine. L'Anopheles, Culex, Culiseta, Coquillettidia e Uranotaenia sono specie che vivono in corsi d'acqua permanenti e possono sopravvivere in acque inquinate, nonché acqua potabile, acque acide e paludi d'acqua salmastra.

Ciclo di vita della Zanzara

Ciclo di sviluppo della zanzaraLa durata del ciclo di vita zanzara varia tra specie e dipende dalle condizioni ambientali come temperatura e umidità. Tuttavia, il ciclo di vita di tutti zanzare comprende l'uovo, larva, pupa e stadi adulti.

Le zanzare maschio si nutrono del nettare presente nelle piante, mentre le femmine estraggono il sangue dall'uomo e animali al fine di poter fecondare e dare nutrimento alle uova. La maggior parte delle zanzare depongono le uova direttamente in acqua, altre specie, come nel caso della Zanzara Tigre, depongono le uova nelle immediate vicinanze dell'acqua. Non appena le uova giungono a contatto con l'acqua si schiudono e le larve restano appese a filo dell'acqua in modo da poter respirare.

Le uova si schiudono in larve da 24 a 48 ore. Le larve presto crescerà fino a diventare circa 4mm di lunghezza. In zone particolarmente infestate è possibile vedere le larve di zanzara ad occhio nudo che si affacciano sulla superficie.

Nel giro di 10 giorni, le larve passano allo stadio di pupa. Le pupe sono anche visibili sulla superficie del sito di riproduzione. Quando la pupa di zanzara avrà concluso il suo ciclo di sviluppo,sarà pronta ad uscire dal suo bozzolo come zanzara adulta. Adulti zanzare femmina cercheranno quindi un animale di cui cibarsi. Le femmine sono in grado di volare per chilometri di distanza dal sito di riproduzione e possono deporre fino a 300 uova alla volta. Una volta trascorso il periodo di deposizione delle uova, la zanzara necessita di un pasto di sangue per poter nuovamente deporre altre uova in un secondo sito di riproduzione.

Le larve e le pupe non sono in grado di sopravvivere senza acqua. Se l'acqua dovesse evaporare prima che l'insetto passi allo stadio adulto, le giovani pupe morirebbero.

Disinfestazione e Prevenzione

Prevenzione infestazione zanzare

Le strategie di disinfestazione per la zanzara devono essere adottate in funzione delle condizioni ambientali e delle caratteristiche del sito da trattare. La fase più importante resta comunque la prevenzione, attività che consente di limitare gli interventi di disinfestazione aggressivi per l'uomo e l'ambiente che lo circonda. Seguire alcune regole fa sì che si possa limitare innanzitutto la riproduzione delle zanzare in siti presenti nelle immediate vicinanze delle nostre abitazioni. Secondariamente è buona prassi l'utilizzo di prodotti cosiddetti "larvicidi", i quali fungono da inibitori di crescita delle larve impedendo così che possano raggiungere lo stadio adulto. In seguito sarà opportuno evitare al massimo la formazione di acqua stagnante nei pressi delle nostre abitazioni, prestando attenzione alla presenza di sottovasi, contenitori e secchi che potrebbero riempirsi di acqua a seguito di piogge o irrigando i nostri giardini. Gli interventi di disinfestazione sono necessari, nella maggior parte dei casi, a ridurre il numero di zanzare adulte già presenti grazie alla loro azione abbattente e residuale.